Wednesday, August 04, 2010

Isola a punta


Isola a punta fuori dalla terra ferma, mi affaccio di nuovo dalla nave e il molo è la lingua del drago che mi brucia le spalle. Provo a leggere il cielo e quanti punti i gabbiani, li seguo per andare a capo e mi vedo in fondo dietro le barche, più alto e confuso, diverso sulla strada stretta con i capperi sul muretto dietro il campo di calcetto. Mi piacciono le finestre, il tempo fermo di una porta aperta e la scoperta dietro la salita, il sorriso controluce per fare pace.

1 Comments:

Anonymous Anonymous said...

...commosso...

i'babbo

8/04/2010 5:19 PM  

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home