Tuesday, May 02, 2006

per te, vecchio mio


Marian cantava
parole nuove
mentre il liquore alle erbe
bruciava il respiro alla gola
e ci faceva più saggi,
cani dagli occhi lucidi
che si batteva il tempo
e si muovevano le ombre
fino a dove la risacca
incontrava la notte
spazzando via
le rose dai bicchieri.
Ce la prendemmo calma
ché la nostra stagione
era una luna di mare
una lanterna appesa
che scaldava i pensieri
e li legava al sogno
come pietre lisce
di un'unica collana.

2 Comments:

Blogger perec said...

pietre lisce di un'unica collana.
che bellissima immagine... da farci un disegno. almeno uno. direi.

5/03/2006 11:18 AM  
Anonymous Anonymous said...

kiakkio grazie mille. aspetteo il pacchetto come un bambino :)

a proposito, sempre talmente bello qui!
algo

5/03/2006 1:11 PM  

Post a Comment

Links to this post:

Create a Link

<< Home